2016 Ago – Spilimbergo – Le città invisibili

Palazzo della  Loggia ( Primo Piano)

6 – 31 Agosto

Orario apertura
Martedi e Mercoledì 16.00 -19.00
Giovedi 10.30 – 12.30
Venerdi, Sabato e Domenica 10.30 – 12.30 / 16.00 – 19.00

Pubblicato in Generale

2016 Giu – Space Ground

Space Ground

20 GIUGNO – 31 LUGLIO 2016

presso lo SHOWROOM di PROJECT OFFICINA CREATIVA

image

Durante il vernissage di SPACE GROUND, ospitato presso lo showroom di Project Officina Creativa il 24 giugno, è stata presentata la mostra personale di Vittorio Menditto. Durante la stessa serata è stata inaugurata la prima collezione di Project Officina Creativa con l’inaugurazione del muralesSuspended Icarus di Mattia Campo Dall’Orto e le opere realizzate dagli artisti dell’Accademia di Venezia all’interno del programma di residenza coordinato da Raffaella Ferraro, Art Lab 2016.

La serata è stata l’occasione per conoscere attraverso un’intervista la storia di Vittorio Menditto e l’esperienza degli artisti in residenza: Gabriele Del Pin, Fang Fang, Giovanni Pinosio e Carlo Scarpa. Il presidente dell’Associazione Jeos, Antonio Ceccagno, ha contribuito ad arricchire l’evento con un’introduzione alla Street Art nel territorio vicentino e padovano.

image

Vittorio Menditto è nato del 1990, è tetraplegico a causa di un incidente motociclistico nel 2006. Ha imparato a dipingere per mezzo di un caschetto speciale all’Ospedale di Montecatone, presso Imola, struttura specializzata nella riabilitazione di persone con lesione midollare.

Durante il ricovero all’Ospedale di Montecatone (specializzato nella riabilitazione di persone con lesione midollare), Vittorio ha incontrato per la prima volta il suo “maestro” Vincenzo Gualtieri, un pittore di professione con una disabilità simile a quella di Vittorio. L’incontro tra i due è stato casuale. Un giorno, mentre Vittorio era ancora ricoverato in ospedale a Imola, Vincenzo è entrato a far visita ad un paziente che era in camera con Vittorio e notò dei disegni appesi ad un armadio raffiguranti dei fumetti manga. Vincenzo chiese se il “creatore” di quegli schizzi fosse proprio Vittorio; alla risposta affermativa gli propose di provare a dipingere!

Da quel momento, ogni martedì pomeriggio, in una sala dell’ospedale adibita all’arte, Vittorio ha cominciato a dedicarsi alla pittura. Il suo primo quadro è stato un bellissimo paesaggio montano. Oggi espone presso Project Officina Creativa le sue ultime opere, che per il curatore Damiano Fina “ci portano in uno spazio sospeso, in cui natura e tecnologia dialogano in forme fluide e luminose. I quadri di Vittorio ci spingono a guardare il futuro con decisione e spontaneità: sono impastati di vita”.Project Officina Creativa

Project Officina Creativa

Pubblicato in Mostre

2016/ Giu 4 – International Contemporary Art

160604 Jesolo - Vittorio Menditto -  International Contemporary ArtLa mostra d’arte contemporanea International Contemporary Art è ospitata presso gli spazi di Isola Blu a Jesolo, via Domenico Modugno 73, dal 4 giugno al 2 ottobre 2016.

L’ obiettivo della mostra è quello di favorire lo scambio interculturale attraverso l’arte e di dare la possibilità, anche ad artisti emergenti, di farsi conoscere nel panorama internazionale. Per questo motivo si selezionano artisti di qualsiasi nazionalità operanti in qualsiasi ambito artistico e creativo a tema libero.

L’esposizione è curata dal noto storico e critico dell’arte dott. Giorgio Grasso, con la direzione scientifica della Dott.ssa Mattea Micello.
Organizzata dall’Associazione Culturale RosSso Veneziano, in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Cultura, la mostra gode dei patrocini del Comune di Jesolo e della Fondazione Romualdo Del Bianco di Firenze.

Orari visite
10.30 – 12.30
16.00 – 22.00

Pubblicato in Mostre

2015 Nov – Ostruzione

2015 - Vittorio Menditto - OstruzioneSindacale, Novembre 2015 – Aggiunta l’ultima opera nella galleria della sezione FASI ARTISTICHE/ Fase Astratta.

Il titolo dell’opera è Ostruzione

Pubblicato in Generale

0815 – Expo 2015 – Centrale Taccani – Trezzo sull’Adda

L’Istituto Nazionale di Cultura organizza “Milano Expo 2015 International Contemporary Art” in collaborazione con Enel – Official Global Partner EXPO – la quale aprirà le porte della storica e prestigiosa sede della centrale Taccani di Trezzo d’Adda a Milano città metropolitana. Una manifestazione importantissima che si onorerà di ospitare più di 400 artisti da tutto il mondo durante i sei mesi di Expo. La manifestazione avrà inoltre l’onore di ospitare in anteprima, un quadro fortunatamente ritrovato, di uno dei più importanti pittori della seconda metà del XIX secolo
Aperta fino al 31 Ottobre 2015

Pubblicato in Mostre

0515 – Vittorio al Palazzat di Cavasso Nuovo

SENZA TERRA – DIS/ARMONIE, l’altra metà dell’universo
150404_senzaterraNella mostra DIS/ARMONIE, promossa dall’Amministrazione comunale di Cavasso Nuovo, che si tiene al “Palazat” sotto l’egida del Museo della Emigrazione, si intende porre l’attenzione sul Diverso, sull’Altro da Noi, e come produttore di opera d’arte e come soggetto dell’opera d’arte.
Per tali motivi sono stati invitati due artisti: un uomo ed una donna al fine di dimostrare che la disabilità non è tale quando affronta il tema della creatività.
Accanto a loro, Vittorio MENDITTO e Lisa PERINI entrambi pittori, è stato invitato Franco Fontana, fotografo molto conosciuto con una produzione particolare: le ultime foto del suo libro dedicato alla disabilità fisica che si muove all’interno di un museo d’arte e quindi in questa maniera indaga il rapporto fra un concetto di bellezza museale e la vita normata da processi esistenziali non sempre corretti fisicamente.
Si sa che questa maniera del male di esistere fisico è stata indagata pure letteralmente nel bellissimo libro Crash di Ballard messo in film con lo stesso titolo da David Cronenberg; pur tuttavia Franco Fontana ne coglie teatralmente nelle fotografie la disarmonica bellezza.
ARTISTI INVITATI
Franco FONTANA, fotografo con la serie: Disarmoniche Bellezze.
Lisa PERINI, pittrice laureata all’Accademia di Venezia.
Vittorio MENDITTO, pittore autodidatta.

DOCUFILM
Christian Canderan, regista proietterà un film documentario (docufilm) sul modo di operare con la testa di Vittorio Menditto.
Curatore: Brollo Boris
Coordinamento: Cesare Serafino

150429_cavassonuovo_palazat_rid

Palazat, sede del Comune di Cavasso Nuovo – Pordenone
Palazat, sede del Comune di Cavasso Nuovo – Pordenone
Pubblicato in Generale

0812 – Pigmenti di vita

L’ Associazione Culturale 4EVENTHIA ha il piacere di presentare Vittorio Menditto in:
                                                      “Pigmenti di Vita”
Mostra Personale di Pittura

                                                Dal 3 al 6 Agosto 2012
Auditorium Rufino Turranio – Concordia Sagittaria

Vittorio Menditto  - Studio - Autoritratto con KandiskijSi tratta della seconda esposizione pittorica personale dell’artista Vittorio Menditto, curata anche in questa edizione dall’Associazione Culturale 4EVENTHIA, che intende curare e rinnovare ogni due anni questo appuntamento tanto atteso che nella prima edizione ha suscitato un grande interesse da parte del pubblico e dei media locali.

La prima edizione dal titolo “La Forza Ritrovata”si è svolta dal 30/07/2010 al 4/08/2010 a Concordia Sagittaria con gentile concessione del patrocinio della Regione Veneto, presso l’Auditorium Ruffino Turranio con Relatore Angelo Tabaro Segretario alla cultura della Regione Veneto.

Questa seconda edizione  dal titolo “Pigmenti di Vita” si svolgerà nel medesimo luogo, dal 3 al 6/08/2012, quest’anno con il Dott. Diego Antonio Collovini,  Laureato in filosofia, ha insegnato lettere ed è stato docente e ricercatore a contratto presso lo IUAV di Venezia e il C.U.T. di Treviso.
Dal 1998 fino al 2004 è stato direttore della Galleria d’Arte Contemporanea di Portogruaro. L’inaugurazione si terrà Venerdi’ 3 Agosto alle ore 19.00.

Vittorio Menditto

E’ un giovane di 22 anni che a causa di un incidente stradale avvenuto nel luglio 2006 è rimasto completamente paralizzato dal collo agli arti inferiori.
Durante la sua malattia ha sviluppato  questo eccezionale talento artistico dopo aver conosciuto il pittore Vincenzo Gualtieri durante il suo ricovero all’ospedale Montecatone di Imola. L’amicizia con Vincenzo, anche lui paralizzato ma solamente agli arti inferiori segna l’inizio di quella che sara’ la rinascita di Vittorio Menditto che impara a dipingere con la testa unica parte attiva del suo corpo, attraverso un caschetto al quale è inserito un pennello all’interno di uno speciale dispositivo posizionato sulla sua fronte.

Ancora una volta l’obiettivo di questa mostra sara’ quello di mettere in risalto lo straordinario talento di Vittorio, portando a conoscenza la sua malattia, affinche’ questo evento possa essere l’occasione per sensibilizzare il pubblico e per intessere relazioni tra tutti coloro che in qualche modo sono toccati a livello familiare o personale da una realta’ tanto difficile. Un messaggio immensamente positivo e vitale trasmesso da un ragazzo che attraverso la sofferenza ha saputo fare della pittura la sua filosofia di vita.

www.facebook.com/vittorio.menditto

 

Pubblicato in Mostre

0710 – La forza ritrovata

ScanImage06Dal 30 Luglio al 4 Agosto 2010 presso Auditorium “Rufino Turranio” Concordia Sagittaria
Vittorio Menditto è un ragazzo disabile di vent’anni. Il suo incidente è avvenuto nel luglio del 2006 e durante il percorso riabilitativo che ha seguito all’ospedale di Montecatone di Imola ha conosciuto Vincenzo Gualtieri.
Vincenzo è un pittore di professione e anche lui ha una disabilità simile alla sua. Entrambi sono tetraplegici ma a differenza di lui Vittorio non ha “l’utilizzo” di nessun arto. Vincenzo dipinge tenendo il pennello tra l’indice e il mignolo invece lui dipinge con l’utilizzo di un caschetto con all’estremità un foro per inserire il pennello.
Un giorno mentre era ancora ricoverato in ospedale a Imola è entrato Vincenzo a far visita ad un paziente in camera con lui e ad un tratto lui notò dei disegni appesi al armadio di Vittorio raffiguranti dei fumetti manga (fumetti giapponesi). Vincenzo chiese se il “creatore” di quegli schizzi era Vittorio; Quando rispose di si gli chiese se ero interessato a provare a dipingere! Da quel momento ha cominciato ogni martedì pomeriggio a dipingere in una sala dell’ospedale adibita all’arte. Ora che è a casa dipingo dalle due alle tre volte a settimana. La pittura nella sua vita ha un ruolo fondamentale, trae grandissima soddisfazione dal fatto di vedere apprezzate le sue opere anche da altri e questo rende a volte meno gravoso il peso di una esistenza così dura.

Pubblicato in Mostre