2016 – Zanè – Vicenza

Space Ground

20 GIUGNO – 31 LUGLIO 2016

presso lo SHOWROOM di PROJECT OFFICINA CREATIVA

image

Durante il vernissage di SPACE GROUND, ospitato presso lo showroom di Project Officina Creativa il 24 giugno, è stata presentata la mostra personale di Vittorio Menditto. Durante la stessa serata è stata inaugurata la prima collezione di Project Officina Creativa con l’inaugurazione del muralesSuspended Icarus di Mattia Campo Dall’Orto e le opere realizzate dagli artisti dell’Accademia di Venezia all’interno del programma di residenza coordinato da Raffaella Ferraro, Art Lab 2016.

La serata è stata l’occasione per conoscere attraverso un’intervista la storia di Vittorio Menditto e l’esperienza degli artisti in residenza: Gabriele Del Pin, Fang Fang, Giovanni Pinosio e Carlo Scarpa. Il presidente dell’Associazione Jeos, Antonio Ceccagno, ha contribuito ad arricchire l’evento con un’introduzione alla Street Art nel territorio vicentino e padovano.

image

Vittorio Menditto è nato del 1990, è tetraplegico a causa di un incidente motociclistico nel 2006. Ha imparato a dipingere per mezzo di un caschetto speciale all’Ospedale di Montecatone, presso Imola, struttura specializzata nella riabilitazione di persone con lesione midollare.

Durante il ricovero all’Ospedale di Montecatone (specializzato nella riabilitazione di persone con lesione midollare), Vittorio ha incontrato per la prima volta il suo “maestro” Vincenzo Gualtieri, un pittore di professione con una disabilità simile a quella di Vittorio. L’incontro tra i due è stato casuale. Un giorno, mentre Vittorio era ancora ricoverato in ospedale a Imola, Vincenzo è entrato a far visita ad un paziente che era in camera con Vittorio e notò dei disegni appesi ad un armadio raffiguranti dei fumetti manga. Vincenzo chiese se il “creatore” di quegli schizzi fosse proprio Vittorio; alla risposta affermativa gli propose di provare a dipingere!

Da quel momento, ogni martedì pomeriggio, in una sala dell’ospedale adibita all’arte, Vittorio ha cominciato a dedicarsi alla pittura. Il suo primo quadro è stato un bellissimo paesaggio montano. Oggi espone presso Project Officina Creativa le sue ultime opere, che per il curatore Damiano Fina “ci portano in uno spazio sospeso, in cui natura e tecnologia dialogano in forme fluide e luminose. I quadri di Vittorio ci spingono a guardare il futuro con decisione e spontaneità: sono impastati di vita”.

____________ * ____________

____________ * ____________